Ecco cosa rappresenta il “pezzo di ferro arrugginito” di Palermo

Condividi su

Facebook
WhatsApp

Sebbene spesso addossato a tantissime critiche per via dell’aspetto estetico non dei migliori, il monumento di Piazza delle XIII vittime in realtà ha un significato profondo e importantissimo per la storia della città.

Il monumento infatti risale al 1983 e fu eretto per iniziativa del primo coordinamento antimafia dopo le uccisioni a Palermo di Pio La Torre e di Carlo Alberto Dalla Chiesa su disegno dello scultore Mario Pecoraino. Fu costruito dalle maestranze dei Cantieri Navali di Palermo in acciaio corten, uno speciale tipo di acciaio che durante l’esposizione alle diverse condizioni atmosferiche, si riveste di una patina uniforme e resistente, costituita dagli ossidi dei suoi elementi di lega. Attorno alla base delle lamine è tracciato un labirinto, ciò a significare l’intreccio complicato della mafia, la patina che si forma sulle lamine rappresenta la mafia che è come la ruggine che attacca il ferro.

La prossima volta che passerete nei pressi di via Cavour vi ricorderete dunque il significato di questo monumento e così potrete iniziare a vederlo con occhi diversi, ma anche col cuore.

Lascia un commento

Salvino Arena

Salvino Arena

Articoli recenti