Il “Vecchio frac” era il principe Raimondo Lanza di Trabia, l’uomo che inventò il “calciomercato”

Condividi su

Facebook
WhatsApp

Un tazzina di caffè in una mano, una coppa di champagne nell’altra. Così il principe Raimondo Lanza di Travia, nobile siciliano ed ex presidente del Palermo, trasformò il Gallia nell’hotel del mercato.

Siamo negli Anni ‘50, la strategia per chiudere gli affari era sempre la stessa: riceveva gli ospiti in una stanza all’ultimo piano dell’albergo, completamente nudo e immerso in una vasca da bagno riempita di latte.

 

Nell’estate del 1952 il principe Raimondo Lanza di Trabia si trovava in una suite  all’albergo Gallia di Milano e qu’ che convoca  Gipo Viani, suo allenatore, per l’ora dell’aperitivo. L’allenatore entra e si trova il  suo presidente immerso nella vasca da bagno profumata di sali ed essenze di erbe, prodotti che si fa mandare da Parigi.

 

Il Principe Raimondo rimane comodamente immerso nella schiumosa vasca. Ordina un Biancosarti per Viani e comincia a bombardare il tecnico: “Ha deciso il suo futuro?. Se rimane con noi voglio una squadra da scudetto. Devo dare filo da torcere al mio amico Gianni Agnelli.

 

Mi faccia alcuni nomi di “pezzi da 90” che vorrebbe per fare un grande Palermo, ed io farò il possibile per vederli dribblare con la maglia rosanero.

 

Fu così che il nobile Principe inventò il calciomercato

Raimondo Lanza Branciforte , Principe di Trabia,  l’inventore del “calcio mercato”, è stato presidente del Palermo Calcio dal 26 gennaio 1951 al 30 giugno 1952, riuscì a portare la squadra ai vertici della classifica della serie A. Grazie alle sue conoscenze riuscì ad acquistare per la squadra del Palermo, ma anche a titolo personale, giocatori di grosso calibro come Luigi Fuin, Benigno De Grandi, ma anche stranieri come il turco Sukru Gulesin e l’argentino Eneique Martegani, è stato anche un grande conoscitore del calcio grazie ad una sua intuizione portò a Palermo un grande campione , fino ad allora sconosciuto Helge Bronée che acquistò dal Nancy per 40 milioni.

Raimondo Lanza tra le sue conoscenze vantava una grande amicizia con mister FIAT Gianni Agnelli, grazie al rapporto d’amicizia con il presidente del club juventino riuscì a portare a Palermo in prestito diversi giocatori dalla Juventus.

Nel 1954 a Milano, sposò la bellissima attrice Olga Villi da cui ebbe le due figlie Venturella e Raimonda.

La scintilla d’amore tra il principe e la bella attrice si accese al San Domenico di Taormina.

Prima che sposasse Olga Villi, era stato a lungo fidanzato con Susanna Agnelli

Quella di Raimondo Lanza di Branciforti , principe di Trabia è stata una vita intesa e ricca di successi è stato ospite nei salotti più ambiti d’Europa e nelle sue terre ha ricevuto grosse personalità di livello internazionale. La sua morte giunta quando aveva 39 anni è ancora oggi avvolta nel mistero, Muore misteriosamente caduto da una finestra con balaustra altissima, dell’hotel Eden a Roma il 30 novembre del 1954.

Il brano di struggente malinconia, scritto e portato al successo  nel 1955 da Domenico Modugno, “Vecchio frack” nasce dall’ispirazione della vita sregolare e mondana di Raimondo Lanza. Questa ballata lirica e raffinata, che ricorda lo stile degli chansonnier francesi, è legata alla fine misteriosa del principe.

Raimondo Lanza di Trabia era nato nel 1915, figlio illegittimo del principe Giuseppe Lanza Branciforte di Trabia e di Madda Papadopoli Aldobrandini, nobildonna veneta. Nel 1927, alla morte del principe, il giovane Raimondo si avvicina ai nonni paterni e va a vivere a Palermo.

testo di VECCHIO FRAC:

È giunta mezzanotteSi spengono i rumoriSi spegne anche l’insegnaDi quell’ultimo caffèLe strade son deserteDeserte e silenzioseUn’ultima carrozzaCigolando se ne va
Il fiume scorre lentoFrusciando sotto i pontiLa luna splende in cieloDorme tutta la cittàSolo va un uomo in frack
Ha il cilindro per cappelloDue diamanti per gemelliUn bastone di cristalloLa gardenia nell’occhielloE sul candido giletUn papillonUn papillon di seta bluS’avvicina lentamenteCon incedere eleganteHa l’aspetto trasognatoMalinconico ed assenteNon si sa da dove vieneNé dove vaChi mai saràQuell’uomo in frack
Buon nuite bonne nuiteBuon nuite bonne nuite
Buona notteVa dicendo ad ogni cosaAi fanali illuminatiAd un gatto innamoratoChe randagio se ne va
È giunta ormai l’auroraSi spengono i fanaliSi sveglia a poco a pocoTutta quanta la cittàLa luna s’è incantataSorpresa ed impalliditaPian pianoScolorandosi nel cielo spariràSbadiglia una finestraSul fiume silenziosoE nella luce biancaGalleggiando se ne vanUn cilindroUn fiore e un frack
Galleggiando dolcementeE lasciandosi cullareSe ne scende lentamenteSotto i ponti verso il mareVerso il mare se ne vaChi mai sarà, chi mai saràQuell’uomo in frack
Adieu adieu adieu adieuAddio al mondoAi ricordi del passatoAd un sogno mai sognatoAd un’attimo d’amoreChe mai più ritornerà
La la la la la la la la
Foto: il principe Raimondo Lanza di Branciforti con il fratello della nonna paterna Ignazio Florio.

 

 

Lascia un commento

Salvino Arena

Salvino Arena

Articoli recenti